IlCorriereQuotidiano
Quotidiano indipendente diretto da Francesca Morelli 
Attenzione! flashPlayer mancante
potresti non visualizzare
correttamente tutti i contenuti!
Scaricalo qui 

Un ventinovenne marocchino di Graffignano sarà giudicato per stalking nei confronti di alcuni vicini di casa

HOME
TELEFONATE MINACCIOSE E ADDIRITTURA RICHIESTE DI SERVIZI FUNEBRI
Un marocchino di 29 anni residente a Graffignano per diverso tempo nel 2016 ha usato il telefono per minacciare e insultare i suoi vicini di casa addirittura arrivando a ordinare merce di ogni tipo a carico di questi ultimi e, dolce amaro sulla torta, pure dei servizi funebri, di carrattrezzi, vendite di beni immobiliari e una serie di annunci usando i dati delle sue vittime. Scoperto, è stato denunciato per reato di stalking e così alcuni residenti di Graffignano adesso possono tirare un sospiro di sollievo. Il marocchino, di madre italiana, è stato rinviato a giudizio dal giudice Rita Scialoni e sarà processato entro il mese di ottobre. E’un fatto grave che conferma ancora una volta come vi siano molte vittime di molestie: un accanimento vero e proprio secondo l’accusa del piemme Paola Conti. Ora sarà il giudice a sentenziare su questo ennesimo caso di stalking.
 
 

Ultima modifica: 18 Oct 2017 08:52

Indietro   



 

 

ANSA