IlCorriereQuotidiano
Quotidiano indipendente diretto da Francesca Morelli 
Attenzione! flashPlayer mancante
potresti non visualizzare
correttamente tutti i contenuti!
Scaricalo qui 

Turismo lento nella Tuscia

HOME

Con la valorizzazione della Via Francigena siamo sulla buona strada Il presidente della Camera di Commercio Viterbo Domenico Merlani soddisfatto per l’esito della seconda edizione di CamminainTuscia.

Oltre 500 presenze, 120 chilometri percorsi a piedi e a cavallo in 7 giorni, 10 Comuni attraversati: sono alcuni dati della seconda edizione di CamminainTuscia, l’iniziativa della Camera di Commercio Viterbo che dal 4 al 10 ottobre ha ripercorso l’antico cammino dei pellegrini sulla Via Francigena.A essere toccati sono stati i Comuni di Proceno, Acquapendente, San Lorenzo Nuovo, Bolsena, Montefiascone, Viterbo, Vetralla, Capranica, Sutri e Monterosi tra bellezze naturalistiche, borghi suggestivi, prelibatezze enogastronomiche e antiche tradizioni prima del trasferimento con la navetta a Roma, in piazza San Pietro, mercoledì 11 ottobre per l’Udienza di Papa Francesco.
Sono molto soddisfatto – dichiara Domenico Merlani, presidente dell’Ente camerale – per le tante risposte positive che abbiamo ricevuto: da sindaci e Amministrazioni comunali che hanno saputo cogliere lo spirito della manifestazione e hanno predisposto un’ottima accoglienza dei partecipanti; dalle proficue collaborazioni con i volontari di Cai Viterbo, Fitetrec-Ante e Misericordia di Viterbo, che hanno accompagnato i partecipanti lungo il percorso; dagli operatori turistici, tra cui strutture ricettive e tour operator che hanno promosso e offerto servizi ad hoc agli iscritti; dall’entusiasmo dei partecipanti, molti dei quali provenienti dalle altre province del Lazio e da Lombardia, Campania e Toscana; dagli iscritti locali che hanno saputo cogliere questa opportunità per conoscere in modo insolito il territorio e vivere anche solo per qualche tappa l’esperienza dei viandanti di un tempo. Tutte indicazioni che stanno a confermare come attraverso la valorizzazione della Via Francigena siamo sulla buona strada per promuovere l’offerta di turismo lento, sempre più richiesta e che ben si presta per il nostro territorio”.
Tra le novità dell’edizione di quest’anno la presenza per diverse tappe di una significativa rappresentanza di giovani provenienti da Paesi africani e asiatici, aventi lo status di rifugiati o in fase di riconoscimento, che hanno voluto condividere un tratto del cammino e partecipare agli eventi culturali ed enogastronomici in un’ottica di conoscenza del territorio e di integrazione. Inoltre sono già numerosi i partecipanti alla seconda edizione di  Camminaintuscia che hanno preannunciato la loro iscrizioni al concorso fotografico che mette in palio premi in prodotti tipici forniti da alcune aziende a Marchio Tuscia Viterbese: CCORAV (legumi e patate); Coopernocciole (nocciole e semilavorati a base di nocciole); Fattoria Cupidi (uova biologiche), Frantoio Tuscus (olio extravergine di oliva Dop Tuscia); Il Marrugio (prodotti a base di porcocignale); Lamponi dei Cimini (prodotti a base di lamponi); L'Olivaia (olio extravergine di oliva Dop Tuscia); Oleificio Sociale Cooperativo di Canino (olio extravergine di oliva Dop Canino); Enoteca provinciale Tuscia (vini).
 Ricordiamo che CamminainTuscia ha il patrocinio dell’Associazione Europea delle Vie Francigene e di Unioncamere Lazio. Inoltre è stata inserita nel programma 2017 delle iniziative di Cammina CAI
 
 
 

Ultima modifica: 15 Oct 2017 11:40

Indietro   



 

 

ANSA