IlCorriereQuotidiano
Quotidiano indipendente diretto da Francesca Morelli 
Attenzione! flashPlayer mancante
potresti non visualizzare
correttamente tutti i contenuti!
Scaricalo qui 

Nei collegamenti ferroviari nella Tuscia con il resto del Paese regna solamente il caos

HOME
I TRENI PER ROMA SOLO CON TANTI RITARDI
Noi abbiamo una rete ferroviaria risalente alla fine della prima guerra mondiale e adesso sta peggiorando perché oltre ai famosi ritardi Trenitalia ha varato un altro piano di collegamento tra Viterbo e Roma. In poche parole, addirittura tre treni partono a distanza l’uno dall’altro in una manciata di minuti e così basta che uno di loro accumuli un ritardo automaticamente blocca gli altri convogli che ha dietro le spalle. Roma dista da Viterbo, almeno su strada, circa 80 chilometri e su quella ferrata sicuramente di più perché specialmente i treni pendolari debbono fare più fermate per far salire e scendere gli utenti.  Si fa un gran parlare di un potenziamento delle nostre strade e delle ferrovie, ma gli anni sono volati veloci e siamo ancora un’isola irraggiungibile. I Governi di tutti i livelli, compreso anche quello regionale, vanno avanti con mega promesse però alla fine stiamo sempre al palo, il particolar modo i pendolari costretti ad usare i treni. Si fa un gran parlare di turismo e se lo vediamo finalmente nella Tuscia è quello automobilistico, cioè di gente proveniente da Roma e da altre Regioni desiderose di poter visionare le nostre bellezze storiche, artistiche e naturali. Per quanto riguarda i collegamenti ferroviari siamo ancora nella preistoria della nostra terra e fanno bene gli utenti a protestare vivacemente.
 

Ultima modifica: 14 Dec 2017 10:42

Indietro   



 

 

ANSA