IlCorriereQuotidiano
Quotidiano indipendente diretto da Francesca Morelli 
Attenzione! flashPlayer mancante
potresti non visualizzare
correttamente tutti i contenuti!
Scaricalo qui 

Il turismo è l’unico settore che può dare un’importante mano all’economia di Viterbo e della Tuscia

HOME
PIENO DI STRANIERI E TURISTI ITALIANI PER IL PONTE DI HALLOWEEN
-Gli altri settori sono in crisi e ancora i cittadini attendono la Città termale a Viterbo – Artigianato e commercio in coma profondo specialmente nel capoluogo – E’ stata veramente una sorpresa costatare che in tutta la Tuscia, ad iniziare dal capoluogo, un numero notevole di turisti sono arrivati e hanno potuto visitare le nostre bellezze storiche e poi andare a consumare i piatti tradizionali della nostra zona. La Città dei Papi è stata presa d’assalto da tante gente proveniente anche dall’estero e i ristoranti hanno potuto fare il pieno sia a pranzo sia a cena. Molte persone sono andate in provincia ad ammirare le famose tombe etrusche, a Bomarzo hanno passeggiato tra i Mostri e la Città che muore ha fatto l’en plein. E’ un segnale importante che dovrebbe suggerire a tutti gli amministratori della nostra Provincia, in primis di Viterbo, ad incentivare con una pubblicità oculata la nostra Tuscia perché abbiamo un tesoro inestimabile e non abbiamo problemi di ospitalità. I famosi ponti, anche se di breve durata, invogliano tante gente a muoversi e da noi sono accolti molto calorosamente . Occorre, a questo punto, un incentivo veramente concreto riguardante i nostri carenti collegamenti viari e ferroviari. Siamo vicini a Roma, però per arrivare a Viterbo o in altre zone della Tuscia le persone sono costrette a sottostare ad un vero e proprio tour de force. Una domanda sorge spontanea anche se la stiamo facendo da decenni: a Viterbo quando prenderà vita la famosa Città termale? Per ora il turismo è l’unica carta valida da giocare mentre dobbiamo costatare come il commercio e l’artigianato stiano arretrando sempre di più.

Ultima modifica: 03 Nov 2017 09:47

Indietro   



 

 

ANSA