IlCorriereQuotidiano
Quotidiano indipendente diretto da Francesca Morelli 
Attenzione! flashPlayer mancante
potresti non visualizzare
correttamente tutti i contenuti!
Scaricalo qui 

I Nas denunciano all'Autorità Giudiziaria due falsi fratelli ciechi

CRONACA >>
SI ERANO MESSI IN TASCA 100 MILA EURO A TESTA
Due fratelli pensionati, uno di 59 anni e l'altra di 66 originari di Rieti, dal lontano 2002, quindi da 12 anni, oltre alla pensione normale si erano goduti anche quella di invalidità perché risultavano entrambi ciechi. Dopo accurate indagini da parte dei Nas, i due pensionati sono risultati vedenti e così ogni mese si mettevano in tasca 870 euro a testa per la presunta cecità truffando il Servizio sanitario e l'Inps. Una somma notevolissima che i Carabinieri hanno recuperato sequestrando buoni postali e conto correnti dei due fratelli. Ora i falsi ciechi sono stati denunciati dall'autorità giudiziaria e quindi andranno sotto processo. E' una piaga nazionale che deve essere estirpata perché troppa gente usufruisce di pensioni di invalidità di ogni genere pur essendo sani. Queste furbizie causano un danno enorme a chi, invece, ha una vera invalidità fisica che però molte volte non gli viene riconosciuta.

Ultima modifica: 19 Dec 2014 a 16:05

Indietro   



 
ANSA