IlCorriereQuotidiano
Quotidiano indipendente diretto da Francesca Morelli 
Attenzione! flashPlayer mancante
potresti non visualizzare
correttamente tutti i contenuti!
Scaricalo qui 

Bufera a Marta per la realizzazione di un grande molo

HOME
LA PROCURA DI VITERBO HA CHIESTO IL SEQUESTRO AL TRIBUNALE DEL RIESAME
Il porto della cittadina lacustre è il più grande attualmente esistente e adesso è nel mirino della Procura di Viterbo che ne ha chiesto il sequestro al Tribunale del Riesame per i presunti reati di falso, abuso d’ufficio e paesaggistico. Le indagini sono condotte dal procuratore Paolo Auriemma e dal piemme Massimiliano Siddi e gli indagati sono il sindaco di Marta Maurizio Lacchini, la sua vice Lucia Catanesi e altri politici. Il molo fu inaugurato nel 2016 e finanziato dalla Regione Lazio e le barche dovevano pagare un canone molto alto per attraccare: lo scopo di questo finanziamento non era, secondo la magistratura, per posti barca. Tutti gli indagati sono difesi dal noto penalista Giovanni Labate.

Ultima modifica: 06 Nov 2017 18:32

Indietro   



 

 

ANSA