IlCorriereQuotidiano
Quotidiano indipendente diretto da Francesca Morelli 
Attenzione! flashPlayer mancante
potresti non visualizzare
correttamente tutti i contenuti!
Scaricalo qui 
ATC Viterbo 1, attiva la caccia di selezione al cinghiale
La caccia di selezione al cinghiale non è ferma. I selecontrolli dal termine del lockdown, dovuto all’emergenza Covid 19, sono pienamente operativi per la selezione di caccia al cinghiale.
“Sappiamo che in questo particolare momento storico l’eccessiva presenza degli ungulati sta mettendo a dura prova agricoltori, allevatori e cittadini – afferma Fabrizio Ronca, presidente dell’Atc Vt1. Per questa ragione abbiamo attivato fin dal primo momento tutte le azioni a nostra disposizione per prevenire e, in alcuni casi, eliminare i problemi. La caccia di selezione, attualmente, è lo strumento principale a nostra disposizione, insieme all’installazione di recinzioni elettrificate. Dalla prima settimana di giugno 555 selecontrontrolli sono sul campo, suddivisi per gruppi su base comunale. Agiscono sotto il coordinamento del tecnico dell’Atc Vt1 Riccardo Primi, della commissione ungulati e dei presidenti dei 4 distretti di gestione del cinghiale, questi ultimi coadiuvati da un vicepresidente appositamente delegato alla caccia di selezione”.
Dal post lockdown sono stati abbattuti 40 cinghiali, grazie al lavoro volontario dei selecontrollori, ovvero cacciatori formati e abilitati dalla Regione Lazio. Gli abbattimenti selettivi continueranno in maniera cadenzata fino al 31 maggio 2021.
“Entro il 31 maggio del prossimo anno – spiega il tecnico dell’Atc Vt1 Primi – presenteremo un nuovo piano di gestione, che prevede la selezione della specie cinghiale, per dare continuità a quello attualmente in essere”.
L’Atc Vt1 ricorda che è sempre possibile, e auspicabile, segnalare danni provocati dal cinghiale alle colture agricole tramite il servizio SOSDANNI. Un modulo di segnalazione online della presenza di animali sui propri appezzamenti, che consentirà un pronto intervento da parte degli operatori abilitati.
In base ai dati raccolti dalla commissione ungulati dell’Atc Vt1, in poco più di un mese - il servizio è attivo dall’8 giugno - sono arrivate 66 segnalazioni e i cacciatori sono prontamente intervenuti con gli abbattimenti.
Il servizio, chiamato SOSDANNI (https://docs.google.com/forms/d/e/1FAIpQLSeCkDckcNFcPnFFP3Yx6dBk_yqHISpzVjVU4X9Jm5cStO84CA/viewform), è disponibile gratuitamente. Gli agricoltori dovranno semplicemente compilare il modulo con le informazioni richieste, che verranno registrate automaticamente.
La segnalazione sarà subito presa in carico dall’ATCVT1 che invierà sul campo personale per le opportune verifiche e relativi interventi.
Il modulo deve essere compilato direttamente online sul sito dell’ATCVT1 (http://www.atcvt1.it/).

 




 
ANSA